Approfondimenti-> La festa della Madonna della Salute Storia e senso della festa della Madonna della Salute

Storia e senso della festa della Madonna della Salute

La terza domenica di settembre ricorre, come tradizione annuale, la festa della Madonna della Salute. La ricorrenza è l’occasione per la comunità ecclesiale di rivolgere il suo sguardo e le sue preghiere a Maria, attraverso la venerazione del quadro che si custodisce nella cappella a Lei dedicata della suddetta chiesa, e che rappresenta appunto Maria con il bambino Gesù in braccio. Salutando la Madonna con l’appellativo di Salus Infirmorum, “Salute degli Infermi”, i cristiani trovano in Lei un aiuto nelle loro infermità fisiche e spirituali.

 

Storia

Questa devozione si radica in una storia di ormai 150 anni. L’origine è da ricercarsi nella chiesa di S. Maria Maddalena in Roma, dove dal 1616 viene custodito un quadro di una Madonna con il Bambino che veniva esposto alla devozione dei fedeli, specie quelli nella sofferenza. La devozione del popolo romano a questa immagine suscitò la costituzione della Pia Unione “Salute degli Infermi”, con l’intento di diffondere la venerazione a Maria e di attuare opere di carità. Nel 1864 questa iniziativa, con la devozione a Maria che la suscitava, arrivò a Velletri per opera dell’allora parroco di S. Maria in Trivio, don Giuseppe Morza, che istituì la festa a Maria Salus Infirmorum.

In origine il quadro che si venerava a S. Maria in Trivio era una pittura del XVII secolo, che però fu sottratto durante la Seconda Guerra Mondiale e se ne persero le tracce. In seguito a ciò, furono, negli anni, commissionate due riproduzioni a due pittori locali, che ancora sono presenti nei locali parrocchiali.

Il quadro che si venera ora nella chiesa di S. Maria in Trivio fu donato dal cardinale Basilio Pompili nel 1922 e proviene dalla cappella del seminario di Norma, dove era stato in precedenza custodito e venerato. L’attuale immagine è da allora il nuovo centro dei festeggiamenti della Madonna della Salute, i quali si sono orientati, da qualche anno a questa parte, a ricorrere all’aiuto di Maria, e alla sua intercessione, verso ogni tipo di infermità, sia fisica che spirituale.

 

Senso

La festa acquista un ulteriore significato: il giorno della Madonna della Salute, infatti, è l’occasione per porre sotto la sua protezione e la sua intercessione il nuovo anno pastorale che, convenzionalmente, ha in settembre la sua ripresa dopo le ferie estive.

Per questo i tre giorni precedenti la festa saranno i momenti nei quali i diversi operatori parrocchiali potranno ritrovarsi insieme davanti al Signore Gesù, insieme a Sua Madre Maria.

Giovedì si onorerà Maria come la “donna dell’ascolto” della Parola di Dio e tutti gli operatori impegnati nella formazione e trasmissione della fede avranno in quel giorno un momento di preghiera a loro dedicato. Così come venerdì gli operatori dell’animazione liturgica, che saluteranno Maria come la “donna del canto”. Per concludere la preparazione, poi, con gli operatori della Caritas parrocchiale, che, il sabato, si ritroveranno insieme a Maria “donna della carità”. Tra le tre, questa è la giornata di preparazione più intensa, perché, dopo il Rosario pregato insieme, alle 12.00 la comunità farà la sua supplica a Maria e alle 13.00 ci sarà, nei locali parrocchiali, un “pranzo della solidarietà”, a cui saranno invitati gli anziani, specie se soli, e i poveri della comunità.

Domenica, giorno della festa, dopo la celebrazione della Messa serale delle 19.00, ci sarà la benedizione per il nuovo anno pastorale. A conclusione dei festeggiamenti, il lunedì si celebrerà una Messa, sempre alle 19.00, di ringraziamento per i benefici ricevuti e come suffragio per i defunti della Pia Unione “Madonna della Salute”, grazie ai quali, come si è detto all’inizio dell’articolo, questa devozione a Maria ha avuto inizio ed è giunta fino a noi.

Storia e senso della festa della Madonna della Salute
data modifica: 15/09/2015 18:50:20